Il rapporto tra Facebook e le piccole e medie imprese è destinato a crescere rapidamente: secondo un recente report fornito da Ciaran Quilty, responsabile di Facebook per le pmi in Europa, Medio Oriente e Africa, più di 143 milioni di persone nel mondo sono connesse via Facebook con un’azienda italiana, soprattutto da Russia, Francia, Austria, Germania, Grecia e Romania.

Basterebbe questo dato per capire quanto il social network possa essere strategico per le piccole e medie imprese che puntano a espandere il loro export. Dal lato Facebook, Zuckerberg ha intuito l’enorme potenziale delle 60 milioni di imprese presenti sul suo social network, tanto da considerarle «la più grande opportunità di crescita per il business pubblicitario», mentre dal lato pmi, l’utilizzo di Facebook risulta decisivo per le imprese che puntano a espandere il loro mercato e raggiungere un pubblico sempre più ampio di consumatori.

A breve diverse funzioni su Facebook, promette Zuckerberg, permetteranno alle piccole e medie imprese di fare un salto di qualità nell’economia globale, senza confini geografici.

Il consolidarsi di questo legame però, potrebbe disturbare il colosso Google da sempre il leader delle strategie online: infatti, se fino a questo momento la ricerca delle aziende avviene prevalentemente attraverso il suo motore di ricerca, d’ora in poi potrebbe accadere tutto all’interno di Facebook. Chi vincerà? Noi un’idea ce la siamo fatta…

Leave a Comment

Your email address will not be published. Marked fields are required.